Perché è importante avere dipendenti soddisfatti

La soddisfazione dei dipendenti è un aspetto importante per il successo di un'azienda. Indipendentemente dalla generazione di appartenenza, le persone nella moderna forza lavoro sentono di aver il diritto di essere contente professionalmente, oltre che nella vita personale, e di poter cambiare lavoro se necessario per raggiungere questo livello di appagamento.

Ponendo domande a milioni di persone che usano e rispondono ai nostri sondaggi ogni giorno, il nostro team di ricerca può accedere come nessun altro ai pensieri e alle opinioni dei dipendenti di oggi, per conoscere quali sono i loro stimoli, le loro ambizioni e che cosa li rende contenti.

Usando la nostra ricerca come guida, ecco un'analisi dettagliata dei motivi per cui la soddisfazione dei dipendenti è importante e quali misure l'azienda può mettere in atto per migliorare la soddisfazione sul luogo di lavoro:

1. I dipendenti soddisfatti sono molto più produttivi di quelli insoddisfatti

Il rapporto tra la soddisfazione, il coinvolgimento e le prestazioni dei dipendenti è stato stabilito chiaramente da numerosi studi di ricerca.

  • I dipendenti contenti sono più coinvolti. E i dipendenti coinvolti sono più produttivi e meno proni all'assenteismo.
  • È importante creare un ambiente di lavoro sano. Una cultura di lavoro positiva incoraggia l'amicizia tra i dipendenti, migliora il benessere personale e, in ultima analisi, incrementa i profitti dell'azienda. Migliori relazioni di lavoro espandono le risorse e le competenze dei dipendenti, aumentando la creatività e le capacità di risoluzione dei problemi.
  • Avere un senso di comunità al lavoro è importante. Sentire che i colleghi e i manager hanno a cuore il loro benessere aiuta i dipendenti a essere più forti di fronte a difficoltà e sfide, sia sul lavoro che nella vita privata.
  •  I dipendenti soddisfatti sono meno stressati. Lo stress a livelli elevati è causa di diversi problemi emotivi e psicologici, che possono aumentare l'assenteismo. Quindi, una forza lavoro soddisfatta è una forza lavoro più numerosa e di maggior valore.

Scopri se i tuoi dipendenti sono soddisfatti sul lavoro. Crea un'indagine→

2. I dipendenti vogliono fare ciò che sanno fare meglio

I dipendenti di oggi vogliono molto di più di un semplice stipendio a fine mese. Vogliono avere uno scopo e l'opportunità di migliorare le proprie competenze lavorative. Il 60% dei dipendenti ritiene che sia importante poter svolgere il lavoro che si sa fare meglio. Le aziende traggono grande vantaggio dall'avere dipendenti coinvolti che mettono a frutto i propri punti di forza sul lavoro, in quanto ciò influisce positivamente sulla produttività e abbassa i tassi di ricambio del personale.

3. I dipendenti danno priorità all'equilibrio tra lavoro e vita privata

Una volta, le persone vedevano il lavoro e la vita privata come due cose separate. Nella realtà odierna, in cui tutti sono costantemente connessi, questi due elementi tendono a sovrapporsi. I dipendenti di oggi danno pari priorità alla vita professionale e a quella privata, e spesso non sono disposti a favorire l'una a scapito dell'altra. Infatti, il 53% dei dipendenti ha dichiarato che è molto importante rivestire un ruolo che consenta un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata e un più forte senso di benessere personale.

  • Sempre di più, i lavoratori vogliono orari adattabili e l'adozione, per quanto possibile, di soluzioni di telelavoro. Questo conferisce loro la flessibilità necessaria per potersi prendere cura delle esigenze della propria vita.
  • Le aziende devono evidenziare i benefit che offrono per agevolare l'equilibrio tra lavoro e vita privata dei dipendenti.
  • Equilibrio tra lavoro e vita privata significa cose diverse per persone diverse. Per questo motivo è essenziale tenere aperte le comunicazioni e conoscere le priorità dei dipendenti.
  • Le lavoratrici sono più propense a cercare un buon equilibrio tra lavoro e vita privata rispetto alla loro controparte maschile.
  • Per le generazioni dei Millennial e dei Gen-X è più importante dare priorità alla soddisfazione generale, sia sul lavoro che a casa, rispetto alla generazione dei Baby Boomer.

4. Il benessere è più importante del "divertimento"

Per un periodo, il concetto di ambiente di lavoro stimolante prevedeva aree ludiche per i dipendenti, con biliardini, tavoli da ping pong e attività di gruppo. I tempi sono cambiati e ora il focus è sul benessere.

  • Un ambiente di lavoro divertente offre ai dipendenti appagamento a breve termine. Questo non porta a soddisfazione e coinvolgimento duraturi.
  • Le iniziative di benessere riguardano questioni importanti come la riduzione dello stress e l'incremento della resilienza emotiva. I dipendenti migliori e più coinvolti sono spesso quelli più soggetti a esaurimento emotivo, il cosiddetto "burnout", a causa degli alti ritmi di lavoro. Migliorandone il benessere, se ne garantisce la presenza sul lavoro e la produttività.
  • Offrendo ai dipendenti opportunità per prendere una pausa, rinfrescarsi e riconcentrarsi, se ne incrementa il coinvolgimento e si riduce il burnout. Gli studi condotti nel corso degli anni hanno dimostrato continuativamente che la possibilità di fare delle brevi pause frequenti aumenta la concentrazione, migliora l'umore e incrementa la produttività. Questo significa che potrebbe essere utile lasciare che i dipendenti controllino i propri messaggi sui social media durante l'orario di lavoro o conversino attorno alla macchina del caffè.

5. I dipendenti insoddisfatti si licenziano per trovare soddisfazione altrove

Viviamo in un tempo in cui il ricambio del personale è diventato un motivo di preoccupazione per la maggior parte dei datori di lavoro. Nel passato, ci si aspettava che i dipendenti rimanessero presso la medesima ditta per molto tempo, anche 20-30 anni. Nel mondo di oggi, è frequente vedere dipendenti che trascorrono solo due o tre anni presso un'azienda, cogliendo qualsiasi opportunità di passare a una cultura lavorativa migliore.

  • Un recente sondaggio Gallup ha rivelato che la metà di tutti i dipendenti è attivamente alla ricerca di un nuovo posto di lavoro o perlomeno si sta guardando in giro.
  • Lo studio ha inoltro riscontrato che il 51% dei dipendenti lascerebbe il posto di lavoro attuale per uno con orari flessibili, mentre il 37% opterebbe per un'azienda che offrisse opportunità di telelavoro almeno part-time.

Quindi, per scoprire la situazione nella tua azienda, puoi avvalerti delle indagini sulla soddisfazione dei dipendenti che permettono di acquisire il feedback onesto e anonimo dei membri del tuo team. Le risposte ti consentiranno di identificare i problemi più pressanti e dare la priorità alle iniziative che producono maggiore soddisfazione. Facendo in modo che i lavoratori siano contenti nei loro attuali ruoli e nell'azienda, non solo avrai un minore ricambio del personale, ma potrai anche attrarre nuovi candidati di alta qualità.

SurveyMonkey offre ulteriori risorse oltre a una soluzione personalizzata per il coinvolgimento del personale per aiutarti a monitorare e promuovere dipendenti soddisfatti, sani e produttivi.

Scopri come SurveyMonkey può stimolare la tua curiosità