Prof. Maurizio Cisi, Francesca Alice Centrone (Dip. Management - Università degli Studi di Torino)

Il punto di vista degli HR manager è fondamentale per analizzare il livello di operatività della definizione di "capitale umano", fornita dall'IIRC nell'ambito del reporting non finanziario. I risultati costituiranno un paper scientifico. Grazie!

Question Title

* 1. Nome Azienda:

Question Title

* 2. Anni di anzianità in azienda:

Question Title

* 3. Nella sua azienda utilizzate il termine “capitale umano”? Sulla base della sua esperienza, potrebbe dare una definizione personale di “capitale umano”?

Question Title

* 5. Perché?

Question Title

* 7. L’International Integrated Reporting framework (IR) ai fini di reporting verso l’esterno, definisce il “capitale umano” come “Competenze, capacità ed esperienza delle persone e la loro motivazione ad innovare, che includono: a) Condivisione e sostegno del modello di governance, dell'approccio di gestione dei rischi e dei valori etici dell'organizzazione; b) Capacità di comprendere, sviluppare e implementare la strategia di un’organizzazione; c) Lealtà e impegno per il miglioramento di processi, beni e servizi, inclusa la loro capacità di guidare, gestire e collaborare”. Quali tra le seguenti affermazioni condivide (indicare con una X)?

Question Title

* 8. Oltre alle componenti principali indicate da questa definizione (competenze, capacità ed esperienza, motivazione ad innovare), quali altri elementi aggiungerebbe?

Question Title

* 9. In qualità di HR manager e/o recruiter, ritiene che la definizione dell'IR permetta di misurare e valutare il valore reale del “capitale umano”? Perché?

Question Title

* 10. Ci può indicare gli indicatori principali usati dalla vostra azienda per comunicare/valutare il proprio “capitale umano” (sia in termini di performance che per comunicare verso l’esterno)?

0 di 10 risposte
 

T